Ricerca ×

Alimentazione sana

Piatto Unico: di cosa si tratta e come ti può aiutare a mangiare in maniera corretta

Se composto in modo corretto di soli alimenti sani, il piatto unico è davvero un ottimo esempio di sana alimentazione dato che ti permette di fornire al tuo corpo tutti i nutrienti di cui ha bisogno per funzionare al 100%.

Quando si pensa a un piatto unico, si pensa quasi sempre a pasti composti da una sola portata, come la pizza o al massimo un’insalatona. La mia collaborazione con Casa Di Vita, iniziata ormai a luglio dell’anno scorso, mi ha permesso di scoprire che “Piatto Unico” significa molto di più di questo e che può davvero cambiare il modo di vedere l’alimentazione di una persona.

Piatto Unico: di cosa si tratta e come ti può aiutare a mangiare in maniera corretta

Piatto Unico: di cosa si tratta e come ti può aiutare a mangiare in maniera corretta

Quando si pensa a un piatto unico, si pensa quasi sempre a pasti composti da una sola portata, come la pizza o al massimo un’insalatona. La mia collaborazione con Casa Di Vita, iniziata ormai a luglio dell’anno scorso, mi ha permesso di scoprire che “Piatto Unico” significa molto di più di questo e che può davvero cambiare il modo di vedere l’alimentazione di una persona.

Ma iniziamo con un po’ di storia. L’idea del piatto unico nasce da una ricerca condotta dalla Harvard School of Public Health, che sottolineava la necessità per gli individui di dare all’organismo, durante ogni pasto, tutti i nutrienti di cui ha bisogno.

Il modo migliore per seguire questo consiglio è utilizzare una combinazione simile a questa:

  • 50% di carboidrati da verdura e frutta
  • 25% di carboidrati come cereali integrali o patate
  • 25% di proteine animali o vegetali

Poi, basterà aggiungere 2 – 2,5 litri d’acqua al giorno, evitare grassi saturi, ridurre gli zuccheri e fare il pieno di grassi “buoni” come olio d’oliva e frutta secca.

So cosa starete pensando: “A parole, sono bravi tutti a descrivere l’alimentazione perfetta ma i fatti, di solito, presentano una realtà molto diversa fatta di tanti sacrifici e pasti scarsi”.

Questa soluzione, però, non è così! Non ha niente a che vedere con una dieta dimagrante, non è un programma personalizzato, è un piano per migliorare il proprio modo di mangiare scegliendo le giuste quantità del cibo che ci fa bene. Il tutto senza sacrificare né gusto né quantità. Anche perché lo sapete, io al gusto non posso proprio rinunciare!

So cosa starete pensando: “A parole, sono bravi tutti a descrivere l’alimentazione perfetta ma i fatti, di solito, presentano una realtà molto diversa fatta di tanti sacrifici e pasti scarsi”. Questa soluzione, però, non è così! Non ha niente a che vedere con una dieta dimagrante, non è un programma personalizzato, è un piano per migliorare il proprio modo di mangiare scegliendo le giuste quantità del cibo che ci fa bene. Il tutto senza sacrificare né gusto né quantità. Anche perché lo sapete, io al gusto non posso proprio rinunciare! 

Lo schema del piatto unico è molto semplice e libero, così da permettere grande varietà di abbinamenti che seguono la regola generale 50-25-25. Per comporlo, le prime volte, pensate a un piatto diviso in tre parti: una che copre metà del piatto, mentre le altre due dividono a metà la parte rimasta.

Le verdure sono le protagoniste, infatti, occupano la parte principale del piatto, altri carboidrati vengono da cereali integrali e patate, mentre l’ultimo 25% è composto di proteine provenienti da carne, pesce, uova o legumi.

Sappiate che è molto più semplice di quello che sembra, le porzioni devono essere adattate a quello che siete abituati a mangiare, senza esagerare. Alla fine di un piatto unico dovreste sentirvi sazi ma non appesantiti.

Integrare nella vostra dieta i piatti unici, vi permetterà di introdurre varietà nelle vostre ricette, alternando tante diverse tipologie di cibi e cotture e di avere un’alimentazione corretta e bilanciata. Grazie a tutti i nutrienti presenti nel piatto, assunti nelle giuste proporzioni, vi sarà possibile mantenervi in salute più a lungo.

Se tutto questo parlare di piatto unico vi ha messo un po’ di fame, vi consiglio di provare a integrarlo nel vostro menu settimanale e di osservare come, pian piano, cambia il vostro approccio al cibo e alla cucina.

E se non siete ancora sazi di consigli, provate con questa guida per principianti per capire meglio il piatto unico.

Ultimissima cosa, ma forse è la più importante Il piatto unico mi ha lasciato un grande insegnamento sul mangiar bene: non esiste il cibo perfetto ma esiste la perfetta combinazione di cibi. Insomma, nell’alimentazione, così come nella vita: l’unione fa la forza!

Scopri tutti i miei contenuti creati in collaborazione con Casa Di Vita.

Previous

Le mie ricette di Pasqua

Next

La val Venosta e i vigneti di alta montagna