Ricerca ×

Journal

Gli ingredienti della birra e la sua produzione

Malto, lievito, luppolo e acqua: questi sono gli ingredienti per produrre una birra di ottima qualità. La produzione della birra è da sempre un processo del tutto naturale che nel corso dei secoli è stato costantemente migliorato e perfezionato.
Vediamo in dettaglio alcune caratteristiche delle materie prime che compongono questa bevanda e quali sono le sue fasi di produzione.

Gli ingredienti della birra e la sua produzione

Gli ingredienti della birra e la sua produzione

Malto, lievito, luppolo e acqua: questi sono gli ingredienti per produrre una birra di ottima qualità. La produzione della birra è da sempre un processo del tutto naturale che nel corso dei secoli è stato costantemente migliorato e perfezionato.
Vediamo in dettaglio alcune caratteristiche delle materie prime che compongono questa bevanda e quali sono le sue fasi di produzione.

Gli ingredienti

Malto

L’orzo è il cereale principe adoperato nella produzione della birra. Delle diverse varianti di orzo presenti in natura, il più utilizzato nella realizzazione della birra è l’orzo distico, caratterizzato da due file di chicchi sulla spiga.

Lievito

Due sono i tipi di lieviti principalmente utilizzati nella fermentazione. Il Saccharomyces cerevisiae, utilizzato per la birra ad alta fermentazione, svolge la sua attività a una temperatura compresa tra i 15°C e i 20°C; il Saccharomyces uvarum, attivo tra i 5°C e i 10°C, impiegato nella produzione di birra a bassa fermentazione. Il lievito, inoltre, caratterizza vari aspetti della birra: la sua corposità, la densità della schiuma e gli aromi.

Luppolo

Il luppolo è una pianta rampicante che può raggiungere i sei metri di altezza di cui si utilizzano soprattutto i fiori femminili, più aromatici rispetto a quelli maschili. Il luppolo non solo conferisce alla birra il suo gusto tipicamente amarognolo, ma incide anche sulla sua chiarezza, impedisce lo sviluppo di batteri e migliora la stabilità della schiuma.

Acqua

L’acqua è un ingrediente fondamentale nella produzione della birra; non a caso, in passato, i birrifici venivano eretti in prossimità delle sorgenti. Non a caso le birre più famose devono la loro creazione e fama alla speciale natura delle acque con cui vengono prodotte. Non tutte le acque, quindi, sono uguali per produrre una buona birra.

La produzione della birra

Dapprima, l’orzo viene messo in bagno in acqua per quarantotto ore affinché i chicchi inizino a germinare: si ottiene così il malto.

Una volta germinati, i chicchi di orzo vengono fatti essiccare in appositi forni e successivamente tostati. A seconda del grado di tostatura, si otterranno tipologie di malto che differiscono per colore. Alla fine di questa fase si avranno quindi malti chiari, ambrati, scuri o speciali. L’orzo maltato viene poi ridotto in farina, trasferito in tini e miscelato con acqua calda. La miscela viene infine filtrata e privata da eventuali scorie: si ottiene il mosto.

Al mosto si aggiunge il luppolo in più momenti durante la cottura e il tutto viene portato a ebollizione.

Una volta raffreddato, vengono addizionati i lieviti. Inizia la fase della fermentazione che può durare alcuni giorni.

Il liquido viene quindi fatto maturare in apposite cisterne, filtrato, confezionato e pastorizzato.

La birra è finalmente pronta per essere servita!

Previous

Gli stili della birra

Next

Più montano: il mio viaggio a Bormio